Newsletter n. 1 – Febbraio 2016

WORKSHOP SULLO SVILUPPO IMPRENDITORIALE
gennaio 17, 2016
Articolo su Convegno 1 marzo 2016
marzo 20, 2016

Newsletter n. 1 – Febbraio 2016

NEWSLETTER RETEMANAGER
Anno 5 – N. 1, febbraio 2016

TEMI

• EDITORIALE
• IL LAVORO IN EVOLUZIONE
• CONVEGNO RETEMANAGER 1 MARZO 2016
• OCCASIONI DI INCONTRO
• LETTURE
• L’ANGOLO DELLA BELLEZZA

EDITORIALE: SIAMO CONDANNATI A UNA CRESCITA SENZA OCCUPAZIONE ?

E’ il tema strategico che sta entrando nel dibattito sul lavoro di questo periodo. La ripresa economica, di cui si avvertono i primi deboli segnali, avverrà a scapito del lavoro o è possibile che lo sviluppo “viaggi insieme” all’occupazione ?

Nell’ultimo suo discorso sullo Stato dell’Unione il Presidente degli Stati Uniti ha lanciato l’allarme affermando che “ogni posto di lavoro rischia di essere oggi sostituto dalla tecnologia”. E Papa Francesco nel messaggio al World Economic Forum di Davos in cui si è discusso degli effetti della c.d. “quarta rivoluzione industriale” ha detto che “l’uomo deve guidare lo sviluppo tecnologico, non farsi comandare da esso !”.

Su questi temi ci stiamo confrontando anche noi alla ricerca di una strada che possa rispondere al bisogno di lavoro dei giovani che stanno entrando nel mercato e dei meno giovani che ne sono stati espulsi ma vogliono ricominciare.

IL LAVORO IN EVOLUZIONE : NUOVE TENDENZE

Assistiamo a uno sviluppo di nuove forme organizzative di lavoro che tengono conto sia dell’innalzamento dell’età dei lavoratori sia delle esigenze legate alla conciliazione famiglia-lavoro ed al miglioramento dell’efficienza interna delle aziende. A tal proposito si segnalano, a titolo esemplificativo, i fenomeni dello smartworking (http://www.cliclavoro.gov.it/Aziende/Pagine/Smart-working.aspx) e dell’age management (http://www.cliclavoro.gov.it/Cittadini/over50/Pagine/Age-Management.

“L’UOMO, UNA RISORSA” – 1 MARZO 2016 ORE 18.15 MILANO
CONVEGNO RETEMANAGER

Per sviluppare i temi accennati nell’editoriale Retemanager, anche in occasione del decimo anniversario della sua nascita, sta organizzando un Convegno pubblico che si terrà martedì 1 marzo 2016 a Milano, con inizio alle ore 18.15 (seguirà apposito avviso).

Interverranno, tra gli altri, Giorgio Squinzi (Presidente di Confindustria), Gigi Petteni (Segreteria Nazionale CISL), Giorgio Vittadini (Presidente della Fondazione della Sussidiarietà).

Gli interventi tenteranno di affrontare e approfondire le sfide che la situazione attuale del mondo del lavoro pone a lavoratori, manager, sindacati e imprenditori.

OCCASIONI DI INCONTRO

Domenica 7 febbraio alle ore 9,30 presso la Parrocchia di San Giorgio, in Piazza San Giorgio
2, Milano, la Pastorale Sociale e del Lavoro organizza un’Assemblea mettendo a tema che cosa significhi oggi vivere una “Chiesa in uscita” nel sociale e nel mondo del lavoro a Milano.

Giovedì 11 febbraio alle ore 21 “CdO Accademy” organizza presso l’Associazione Porto Franco, Viale Papiniano 58, Milano un incontro sui “Primi 10 anni in azienda”.
Il dibattito si svolgerà a partire dalle seguenti domande : come scegliere il proprio lavoro? Come valutare un percorso professionale? Come conciliare lavoro e famiglia? Andare all’estero è sempre un’occasione? Che valore ha uno stipendio? Per partecipare è necessario iscriversi compilando il seguente form: http://goo.gl/forms/Xh2SWVFMvn

LETTURE : SPUNTI DI RIFLESSIONE

“La nuova geografia del lavoro” di Enrico Moretti, testo già segnalato nella precedente Newsletter, riporta fatti ed esperienze a livello internazionale che documentano che dove si creano imprese innovative, queste a loro volta attraggono altre imprese e lavoratori, creando centri di sviluppo economico ed occupazionale non solo in posizioni dirette ma anche indirette e nei servizi (cosiddetto effetto moltiplicatore). L’innovazione sarebbe dunque creatrice di sviluppo. Nel testo l’autore sostiene e documenta che per ogni posto di lavoro creato da imprese innovative se ne generano ulteriori cinque di tipo accessorio.

“Manager di famiglia” di Bernardo Bertoldi e Fabio Corsico, il libro spiega come le aziende famigliari puntino sempre di più sui manager esterni. In particolare, la diversificazione del business comporta, sempre più, l’apertura della guida delle aziende famigliari al contributo determinante di manager esterni alla composizione dei fondatori, che in alcuni casi con l’inserimento di nuovi capitali, tengono comunque il controllo e garantiscono l’originale identità dell’azienda famigliare. Il cambiamento in atto obbliga infatti anche le PMI non solo a rivisitare i propri modelli produttivi/organizzativi ma anche a reperire nuove competenze, in passato non sempre ritenute necessarie.

L’ANGOLO DELLA BELLEZZA

“Non si vede bene che col cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi ” (Il Piccolo Principe, A. De Saint Exupery)

“Il nostro cuore è inquieto finchè non riposa in Te” (Confessioni, Sant’Agostino)