Newsletter n. 4 – Novembre 2015

Ecco il nuovo sito Retemanager.
novembre 19, 2015
WORKSHOP SULLO SVILUPPO IMPRENDITORIALE
gennaio 17, 2016

Newsletter n. 4 – Novembre 2015

NEWSLETTER RETEMANAGER Anno 4 – N. 4, novembre 2015

TEMI
• EDITORIALE
• IL DIBATTITO SUL LAVORO
• GIOVANI E LAVORO
• LA BILANCIA CON TRE PIATTI
• FREELANCE NEL WEB
• HAPPY HOUR NATALIZIO
• L’ANGOLO DELLA BELLEZZA

EDITORIALE: QUALE PRODUTTIVITA’ E PER CHI?

“La moderna organizzazione del lavoro mostra talvolta una pericolosa tendenza a considerare la famiglia un ingombro, una passività per la produttività del lavoro. Ma quale produttività e per chi?”
….Quando (il lavoro) è in ostaggio della logica del solo profitto e disprezza gli affetti della vita l’avvilimento dell’anima contamina tutto, anche l’aria, l’acqua, l’erba, il cibo e le conseguenze colpiscono soprattutto i più poveri e le famiglie più povere.” (Papa Francesco)
Queste frasi di Papa Francesco colpiscono perché evidenziano l’urgenza che l’economia e l’organizzazione del lavoro siano al servizio della persona e non viceversa. La produttività (dell’impresa e dei lavoratori) infatti è uno strumento utile e necessario, un giusto parametro, cioè un indicatore di efficienza e funzionalità ma non può esaurire in se stessa lo scopo del lavoro.
In questi ultimi giorni Papa Francesco è tornato ripetutamente sui temi del lavoro (es. incontro con l’INPS e l’incontro con gli imprenditori cattolici). Nella ‘Laudato Sì’, in particolare, ci invita alla riflessione sulla natura del progresso e della crescita che vogliamo realizzare:
“Non si deve cercare di sostituire sem¬pre più il lavoro umano con il progresso tecno¬logico: così facendo l’umanità danneggerebbe sé stessa. Il lavoro è una necessità, è parte del sen¬so della vita su questa terra, via di maturazione, di sviluppo umano e di realizzazione personale. […]
La riduzione dei posti di lavoro «ha anche un im¬patto negativo sul piano economico, attraverso la progressiva erosione del “capitale sociale”, os¬sia di quell’insieme di relazioni di fiducia, di af¬fidabilità, di rispetto delle regole, indispensabili ad ogni convivenza civile». In definitiva «i costi umani sono sempre anche costi economici e le disfunzio¬ni economiche comportano sempre anche costi umani». Rinunciare ad investire sulle persone per ottenere un maggior profitto immediato è un pessimo affare per la società.” (Papa Francesco, Enciclica ‘Laudato Sì’, La necessità di difendere il lavoro)
Questi temi posti dal Papa ci affascinano e interessano perché li sperimentiamo quotidianamente nella loro problematicità e vorremo, per questo, tenere aperto il dibattito durante i prossimi mesi.

IL DIBATTITO SUL LAVORO

E’ in atto sui media da qualche mese un ricco dibattito sul tema del lavoro, anche a partire dalla riforma recente del Jobs Act. Quello che ci colpisce maggiormente è la constatazione del diffondersi di una concezione di economia che pretende di svilupparsi escludendo di fatto da questa “crescita” un numero sempre più grande di persone.
Ne sono un esempio – sotto gli occhi di tutti – da un lato il continuo tentativo di espulsione, almeno in Italia, dal mondo del lavoro degli over 50 dall’altro lo “sfruttamento” dei più giovani nel susseguirsi di brevi periodi lavorativi a bassissimo salario e senza un reale percorso di crescita professionale.
Segnaliamo a tale proposito i seguenti articoli:
– Dario Di Vico, Corriere della Sera, “Lavoro facile, lavoro da casa” (26.10) e “Giovani per la pensione, obsoleti per le aziende: la crisi dei cinquantenni”, (25.9)
cfr. http://www.corriere.it/firme/dario-di-vico
– Enrico Moretti “La nuova geografia del lavoro” Mondadori (giu-2014),
cfr. http://www.amazon.it/La-nuova-geografia-del-lavoro/dp/8804641827
– Giorgio Vittadini “Lavoro e anziani non è mai troppo tardi”, il Sussidiario.net
cfr. http://www.ilsussidiario.net/News/Editoriale/2015/10/2/Lavoro-e-anziani-non-e-mai-troppo-tardi/643213/

GIOVANI E LAVORO

Come RM incontriamo sempre più spesso l’esigenza di un orientamento e di giudizi sul mondo del lavoro da parte di molti giovani che sperimentano situazioni di precarietà e difficoltà negli anni di avvio dell’attività lavorativa. Nei prossimi mesi cercheremo di favorire e segnalare momenti di aiuto e confronto che stanno sorgendo da parte di alcuni come tentativo di risposta a questa esigenza.
Cfr. a titolo esemplificativo, La Nuvola del Lavoro, blog del Corriere della Sera rivolto ai giovani e ai temi dell’occupazione dove vengono riportate interessanti esperienze cfr. http://nuvola.corriere.it

LA BILANCIA CON TRE PIATTI
Riceviamo e volentieri pubblichiamo un interessante contributo che propone e descrive un modo originale e soprattutto utile di concepire il tempo della ricerca del lavoro (vedasi allegato). In particolare l’autore, un nostro amico e Tutor di RM, sottolinea come il tempo della disoccupazione può anche diventare un tempo di crescita personale.

FREELANCE NEL WEB
Segnaliamo i seguenti siti che permettono di proporsi come freelance negli ambiti più svariati:
• www.starbytes.it
• www.timeetc.com
• www.guru.com
• www.freelancer.com
• www.upwork.com

HAPPY HOUR NATALIZIO

Giovedì 3 dicembre dalle ore 19.00 si terrà presso la Sala dell’Associazione C. Peguy in via Poerio 14 – Milano, il tradizionale scambio di auguri per tutti gli amici di RM, con musica dal vivo e brevi testimonianze. Vi aspettiamo!

L’ANGOLO DELLA BELLEZZA
“Occorre una vita per diventare bambini” (P. Picasso)