NL n. 3 – Novembre 2016

Newsletter n. 2 – Aprile 2016
gennaio 16, 2017
MANAGER SENZA LAVORO? Intervista ad Alberto Sportoletti
aprile 12, 2017

NL n. 3 – Novembre 2016

NEWSLETTER   RETEMANAGER

 Anno 5 – N. 3 – novembre 2016

Temi di questo numero

  • Editoriale
  • Workshop di RM
  • “Inventarsi il lavoro”
  • Fondo Famiglia Lavoro – Fase 3
  • Letture
  • Tutors e amici
  • L’Angolo della Bellezza

 

“There is a crack, a crack in  everything”

I fatti più clamorosi degli ultimi tempi  (elezioni americane, referendum, la situazione dei migranti, le nuove povertà etc.) sembrano essere espressione di un disagio, di un grido di fondo che emerge in tante situazioni del mondo vicine e lontane,  rispetto a cui la risposta non può essere ridotta  all’ adesione a uno schieramento nel quale riporre la speranza di un cambiamento futuro.

Occorre qualcosa di più grande capace di ridestare – ora –   la persona e  di accogliere tutti, noi stessi innanzitutto  e anche chi la pensa diversamente,  affermando una possibilità  di bene comune che viene prima di ogni schieramento  a volte inevitabile,  e che pertanto indica una strada su cui si può camminare insieme con certezza. L’altro diventa un bene per me.

La nostra piccola esperienza di RM  ci segnala che il ridestarsi della persona e l’inizio della costruzione di un bene comune possono accadere dentro ogni circostanza, anche dentro ogni difficoltà come quando si perde il lavoro o si passa un momento difficile e faticoso. Attraverso un incontro con una umanità diversa in cui si intravvede qualcosa di buono e che apre uno spiraglio nella nostra vita, come una crepa attraverso cui può entrare la luce di una possibile novità: “c’è una crepa, una crepa in ogni cosa, ed è così che entra la luce” (Leonard Cohen, Anthem).

 

Workshop di Retemanager “Qualità umane e valore economico”

L’esperienza di RM di questi anni ci ha portato anche a maturare un giudizio non solo sulla ricerca del lavoro ma anche sul mondo del lavoro e sul tipo di esperienza che si fa sul lavoro, da ciò ha origine anche il recente ciclo di incontri promosso da Retemanager, Fondazione per la Sussidiarietà, Università di Bergamo e Politecnico di Milano sul tema qualità umane e valore economico.

Il primo incontro si è tenuto il 7 novembre con Alberto Busnelli, Direttore delle Risorse Umane di Basf Italia e Manuela Kron, Direttore Corporate Affairs Nestle Italia. Di seguito il link per il video dell’incontro:

Il prossimo 5 dicembre si terrà il secondo workshop. L’idea centrale di questo ciclo è presentare alcune testimonianze di manager e imprenditori dove emerga il valore intrinseco ( con le conseguenze anche in termini economici) delle cosidette “non cognitive skills”. In allegato la locandina di presentazione.

 

 “Inventare” il lavoro

Constatiamo sempre di più un certo trend in Italia e nella nostra rete.

Il moltiplicarsi delle start-up innovative, alcuni amici ex manager che si inventano un lavoro totalmente diverso (le lavanderie automatiche, la gelateria etc.) e gruppi di amici di RM che si mettono insieme per offrire in modo innovativo e sinergico i loro servizi, insomma… se il lavoro non arriva occorre provare a inventarselo.

 

Fondo Famiglia Lavoro

Alla fine dell’anno della Misericordia prende il via la Fase 3 del Fondo Famiglia Lavoro promosso dalla Diocesi di Milano per dare occupazione ai giovani e avviare tirocini presso le aziende per favorire il reinserimento dei disoccupati. L’iniziativa presenta diversi nuovi e interessanti strumenti, si veda www.fondofamiglialavoro.it

 

Letture

  1. Bauman, C. Giaccardi e M. Magatti “Il destino della libertà”, Edizioni Città Nuova. Quale società ci aspetta dopo la crisi economica? Tre grandi studiosi si interrogano sugli importanti cambiamenti in corso nella nostra società dominata dall’economia digitale.
  1. Maniscalco, God Bless America, Società Editrice Fiorentina. E’ una raccolta di articoli, ma costruita per temi : ” l’America, la sua gente, le sue cose; l’America e la sua violenza; l’America e le sue guerre; l’America e la politica; l’America e madre natura; l’America e il Papa; l’America e la questione razziale. O no?; l’America e la questione omosessuale; l’America e i miei amici; l’America e i miei pensieri “. Appare un libro “ad hoc “, specialmente di questi tempi. La Prefazione è di Giorgio Vittadini.

 

Tutors e una rete di amici che si allarga

Desideriamo rinnovare l’invito a collaborare con RM, secondo la libera disponibilità di ciascuno, nella prospettiva di una rete in continuo sviluppo e aggiornamento.

Per questo, soprattutto considerando il bisogno degli amici che cercano lavoro, si ricorda l’importanza di segnalare a RM (info@retemanager.org) offerte di lavoro, in Italia e all’estero, così come la possibilità di collaborare come “tutor” (accompagnamento delle persone in cerca di lavoro) o come “counselor” (per colloqui specifici di funzione o settore aziendale).

 

L’ANGOLO DELLA BELLEZZA

 There is a crack, a crack in everything

 That’s  how the light gets in.

 C’è una crepa, una crepa in ogni cosa

ed è così che entra la luce.

(Leonard Cohen, Anthem)

ANTHEM

The birds they sang
at the break of day
Start again
I heard them say
Don’t dwell on what
has passed away
or what is yet to be.The wars they will
be fought again
The holy dove
She will be caught again
bought and sold
and bought again
the dove is never free.

Ring the bells that still can ring
Forget your perfect offering
There is a crack in everything
That’s how the light gets in.

We asked for signs
the signs were sent:
the birth betrayed
the marriage spent
the widowhood
of every government –
signs for all to see.

I can’t run no more
with that lawless crowd
while the killers in high places
say their prayers out loud.
But they’ve summoned up
a thundercloud
And they’re going to hear from me.

Ring the bells that still can ring
Forget your perfect offering
There is a crack in everything
That’s how the light gets in.

You can add up the parts
but you won’t have the sum […]

Ring the bells that still can ring
Forget your perfect offering
There is a crack, a crack in everything
That’s how the light gets in.

 

INNO

Cantavan gli uccelli
al levar del dì
Ricomincia daccapo
li sentii dire
Non indugiare
su quel che è stato
o che ancora non è. Le guerre saranno
combattute ancora
La sacra colomba
verrà catturata ancora
comprata e venduta
e comprata ancora
la colomba mai libera non è.

Suonate le campane che possono ancora suonare
Dimenticate la vostra offerta perfetta
c’è una crepa in ogni cosa
È così che entra la luce.

Chiedemmo dei segni
i segni furono inviati:
il natale tradito
il matrimonio esaurito
la vedovanza
di ogni governo –
segni che ognuno può vedere.

Non posso più correre
Con quel branco senza legge
mentre gli assassini negli alti lochi
recitano le loro preghiere ad alta voce.
Ma hanno chiamato a sé
una nube tempestosa
E avranno mie notizie.

Suonate le campane che possono ancora suonare
Dimenticate la vostra offerta perfetta
c’è una crepa in ogni cosa
È così che entra la luce.

Potete sommare le parti
Ma non avrete il tutto […]

Suonate le campane che possono ancora suonare
Dimenticate la vostra offerta perfetta
c’è una crepa, una crepa in ogni cosa
È così che entra la luce.